la mostra che si scusa con le artiste emarginate | IHAVEAVOICE