Codice Rosso: uomini accusati di 34.029 reati | IHAVEAVOICE
Home » Blog » Codice Rosso: uomini accusati di 34.029 reati

Codice Rosso: uomini accusati di 34.029 reati

I numeri dei reati di genere secondo il report del Codice Rosso.

34.029 vs 302.


Questo è il numero di reati rientranti nel Codice Rosso di cui sono stati accusati gli uomini, contro quello di cui sono state accusate le donne, fino al 10 ottobre 2020.


Già si poteva intuire che ci fosse questa proporzione, ma è bene ribadirlo perché ci sono ancora beceri maschilisti che appena si parla di violenza contro le donne, tirano sempre fuori la solita frase: “Eh, anche le donne sono violente con gli uomini!” 

Ecco la risposta: meno dell’1%.

E nello specifico, i reati più gravi sono quasi tutti imputati agli uomini.


I Reati del Codice Rosso:

Il Codice Rosso ha introdotto una serie di nuovi reati, che prima non erano contemplati nella nostra legislazione e quindi non avevano una pena specifica, tali reati sono:

– Revenge Porn (diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti), di cui noi abbiamo sostenuto con successo la petizione che ha contribuito all’introduzione di questo reato;

deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso;

costrizione o induzione al matrimonio (aggravata se commessa in danno di minori);

violazione delle misure di protezione delle vittime.

Inoltre, sono state aggravate le pene per reati già esistenti quali quelli di maltrattamenti contro familiari e conviventi, atti persecutori (stalking), violenza sessuale e atti sessuali con minorenne.


Il report del Ministero della Giustizia:

Dal report del Ministero della Giustizia, emerge un aumento dei procedimenti per i reati introdotti dal Codice Rosso: questo evidenzia che era necessario introdurre questi nuovi reati perché esistevano moltissime vittime che non erano tutelate dalla legge.

Il report, inoltre, compara i dati dell’anno antecedente e dell’anno successivo all’entrata in vigore del Codice Rosso, parte del periodo coincide con il lockdown per COVID-19, ed emerge una situazione drammatica: 

+11% procedimenti per maltrattamenti

+80% procedimenti per lesioni personali.

Il periodo di convivenza forzata a causa del lockdown, quindi, è stato un vero dramma per molte donne e ancora una volta, sono proprio loro a pagare il prezzo più alto. 

L’introduzione del Codice Rosso è servita, come anche il servizio di denuncia 1522. Molto è stato fatto, ma c’è ancora tantissimo da fare, soprattutto in situazioni di emergenza come quella che stiamo vivendo.

Noi di Ihaveavoice siamo in prima linea per fare sempre di più, e ricordati che se sei vittima di una situazione di violenza domestica, o conosci qualcuno che potrebbe esserlo, siamo qui per aiutarti: offriamo una prima consulenza legale e/o un percorso di orientamento psicologico gratuiti.

 

Ihaveavoice si impegna tutti i giorni nella lotta contro le violenze e le disparità di genere, per creare un mondo migliore.

Sostienici con una donazione, anche la più piccola può fare la differenza!

Rispondi